Riparazione parabrezza: perché conviene sempre e quando è possibile

28 Maggio 2021 - Il mondo Doctor Glass

Lo stato di salute e l’eventuale riparazione del parabrezza sono fattori molto importanti per un veicolo e per il suo proprietario e/o conducente. Cerchiamo di capirne il motivo, ponendoci prima tre interrogativi: 1) Perché riparare il parabrezza quando si può sostituirlo? 2) Perché fare controlli periodici su scheggiature e crepe del parabrezza? 3) Perché preoccuparmi tanto delle condizioni del parabrezza? Domande assolutamente legittime, che meritano risposte puntuali e convincenti.

Riparazione: si risparmiano soldi e tempo

Dunque, perché riparare il parabrezza quando si può sostituirlo? La prima risposta è che la riparazione del parabrezza rispetto alla sostituzione costa dalle 5 alle 10 volte di meno (per appuntamenti e preventivi ci si può rivolgere alla rete Doctor Glass). Il risparmio in denaro vale anche rispetto a quello del tempo speso, poiché l’intervento varia notevolmente, da circa 30 minuti della prima a quasi due ore della seconda. Sempre che nel caso di sostituzione il parabrezza sia presente presso il nostro centro specializzato di fiducia. Nel caso di polizza cristalli, l’intervento tanto di riparazione che di sostituzione (che può essere effettuata anche a domicilio) è gratuito per il cliente.
Ultimo e non meno significativo dato, è che grazie alla riparazione del parabrezza rispetto alla sostituzione si riducono le emissioni di CO2 di circa il 90%.

Scheggiatura o crepa?

Per sapere se possiamo procedere alla riparazione del parabrezza o alla sua sostituzione, dobbiamo rivolgerci a personale specializzato. Il fai da te è fortemente sconsigliato, sia in termini di professionalità dell’intervento, sia nella garanzia dei pezzi di ricambio e quindi di validità dell’assicurazione rispetto in eventuali successivi sinistri.
La scheggiatura è un piccolo danno (inferiore a una moneta da 2 euro) al parabrezza, che laddove si trovi ad almeno 6 centimetri dai montanti può essere riparato. Va valutato poi il posizionamento del danno (ad esempio di fronte agli occhi del conducente o davanti alla porzione di vetro che protegge i dispositivi ADAS).

L’importanza dei controlli periodici

Perché fare controlli periodici su scheggiature e crepe del parabrezza? La risposta è semplice: un grande sbalzo sul termometro – come quelli che ci accingiamo a vivere in questo periodo con l’aumento delle temperature esterne e l’accensione dei condizionatori – può comportare la trasformazione di una scheggiatura in una grande crepa, che non consente più a quel punto la riparazione del parabrezza obbligandoci alla sostituzione.

Il parabrezza è una garanzia di protezione e sicurezza

L’ultima domanda che ci siamo posti – ovvero “perché preoccuparmi tanto delle condizioni del parabrezza?” – ha una duplice risposta.
Da una parte il parabrezza protegge gli ADAS, ovvero i sistemi automatizzati di assistenza alla guida. Un danno o un vetro sporco in questa zona posso comprometterne l’utilizzo. Lo stesso vale nel caso di riparazione o sostituzione. L’intervento ad opera d’arte deve essere garantito, così come abbiamo già sottolineato, devono esserlo anche i pezzi di ricambio pena la possibile perdita della copertura assicurativa.
Dall’altra il parabrezza e tutte le altre superfici vetrate forniscono circa il 40% della rigidità strutturale di un veicolo e di conseguenza devono essere sempre tenuti in perfetto stato.

Sanzioni

Il Codice della strada prevede sanzioni per i veicoli che non viaggiano in sicurezza e tale condizione riguarda anche il parabrezza danneggiato. Le multe vanno da 85 a 335 euro, a cui se ne aggiungono dai 45 ai 168 euro se si è sorpresi a viaggiare in autostrada.
Nonostante tutte le informazioni fin qui elencate, circa il 36% degli automobilisti italiani non interviene in caso di danni al parabrezza!

Una rete stellata

La rete Doctor Glass su tutto il territorio nazionale è aggiornata ed efficiente rispetto a tutte le norme e alle procedure di intervento. Lo testimoniano anche i giudizi degli utenti rispetto ai dottori: a oggi 98,4% di giudizi positivi con 4,8 stelle su 5, un punteggio NPS (che misura l’indice qualitativo della raccomandabilità) di ben il 91% e per il quinto anno consecutivo la presenza nella speciale classifica “Migliori in Italia – Campioni del Servizio” con l’aggiudicazione del “Sigillo d’oro – Top Servizio”.