Il mercato auto tocca i minimi storici: aprile in Italia -97,6%

Doctor Glass mercato auto corona virus - copyrright shutterstock_726647767
21 maggio 2020 - I nostri consigli

Gli italiani e gli altri concittadini europei hanno ripreso a circolare da due settimane dopo i ferrei blocchi legati al Corona Virus, ma dal mercato auto arrivano al momento solo brutte notizie. In attesa che in Italia si possa riprendere a muoversi in libertà – al volante, in treno, in nave o in aereo – anche tra differenti regioni, i numeri delle vendite che arrivano dall’Acea (l’associazione europea dei produttori) sono impietosi: nel Bel Paese, infatti, si registra il peggior andamento dell’intero Continente, con un -97,6% a 4.279 unità nel mese di aprile, pari a un -50,7% considerando il primo quadrimestre del 2020.

In Europa la media del mercato auto si attesta su un segno negativo dell’78,3% con 292.182 immatricolazioni dal 1° al 30 aprile, contro le 1.345.181 dello stesso mese del 2019. Rispetto all’arco di tempo 1° gennaio-30 aprile 2020 il calo è stato del 39,1% (3.346.193 autovetture immatricolate).  Ecco invece un confronto anche con gli altri principali paesi: Inghilterra -97,3% (aprile) e -43,4% (gennaio-aprile), Spagna -96,5% e 48,9%, Francia -88,8% e -48%, Germania -61,1% e 31%.

In una nota Acea sottolinea come ” aprile è stato il primo mese completamente interessato dalle restrizioni per la pandemia da coronavirus, con la maggior parte dei concessionari chiusi in tutta Europa. Il dato registrato il mese scorso stabilisce un record in negativo da quando sono iniziate le rilevazioni di mercato”.

Un dato pesantissimo quello del mercato auto, che si augura riprenda il più rapidamente possibile a salire. Basti pensare che nei primi due mesi di lockdown in Italia è stata calcolata una diminuzione della mobilità stradale dell’80%, con sinistri ridotti dell’85,3%, con un risparmi per le compagnie assicuratrici di 25 milioni di euro al giorno.

15 giugno: Pneumatici Invernali
Ricordiamo a tutti gli automobilisti che il cambio obbligatorio degli pneumatici invernali scaduto il 15 maggio è stato prorogato di un mese. Entro questa data è necessario assolutamente sostituirli per non incorrere nelle sanzioni previste dal Codice della strada, che in alcuni casi comprendono il sequestro del veicolo. Nonostante lo slittamento al 15 giugno, vale la pena sottolineare che questi pneumatici non sono adatti a circolare con temperature calde e di conseguenza bisogna prestare la massima attenzione se ancora non si è potuta effettuare la sostituzione.

Doctor Glass in prima linea
I centri Doctor Glass distribuiti lungo tutta la Penisola sono a disposizione dei clienti col proprio personale specializzato, che ha recepito le direttive governative e regionali per la sicurezza nei luoghi di lavoro rispetto al Covid 19. Consigliamo di prendere appuntamento e per qualsiasi informazione numeri utili (qui il numero verde: 800.10.10.10) e indirizzi si trovano sul nostro sito ufficiale.